image5

STAPPATO

 «Al termine della prima settimana, seicento assaggi avevano già azzerato ogni mia volontà di capirci ancora qualcosa. In quattro, cinque giorni mi spazzolavo la storia del Barolo o dell’Amarone, pretendendo anche di giudicarla. Era come stilare la classifica dei migliori film della stagione, fermandosi ai titoli di testa. Il mio spettacolo non andava mai oltre l’unghia del bicchiere. E seduti di fronte a me, non vedevo più colleghi e collaboratori, ma polli da batteria, 

costretti a beccare senza sosta.»

Con tono schietto e pungente, Tiziano Gaia ci conduce nel mondo dei vini 

e di chi li degusta per professione, alternando autobiografia, coloriti aneddoti, curiose disquisizioni tecniche e riflessioni sulla spettacolarizzazione dell’enogastronomia.


image6

La sua esperienza da «paura e delirio a Slow Food» sotto l’egida

 del carismatico fondatore, gli anni di coinvolgente apprendistato, l

a descrizione della giornata-tipo in veste di degustatore per Vini d’Italia, una maratona di un centinaio di assaggi quotidiani per tre mesi l’anno, fino ai vividi ritratti delle figure più importanti della viticoltura italiana, l’ascesa del Barolo, i riti contadini e i costumi delle Langhe, tra balòn e partite a tressette, il tartufo e lo storico mercato delle uve di Alba. Un dissacrante «dietro le quinte» della critica enologica e una storia del vino raccontata in modo originale e sagace, incentrata sulla sua trasformazione in bene voluttuario, spogliato della funzione di bene primario e dunque potenzialmente inutile, ma a cui l’Autore riconosce la straordinaria capacità di cavalcare o addirittura anticipare i cambiamenti socio-culturali del nostro tempo.

- ACQUISTA SU AMAZON -

LIBRI

image7

DI VIGNA IN VIGNA

"Di vigna in vigna" è una guida turistica dedicata a chi non solo ama il  vino, ma crede che viverlo in prima persona - là dove viene prodotto -  sia la più emozionante delle esperienze. 40 itinerari dal Trentino alla  Sicilia. 200 cantine. 115 ristoranti. 154 alberghi/agriturismi. 20 spa.  76 piscine. 200 bottiglie imperdibili da provare in loco. 103 box  dedicati a cultura e loisir.



ACQUISTA SU AMAZON
image8

PUOI CHIAMARMI FRATELLO

Christian viene dal Camerun. Ex promessa del calcio, ex spacciatore,  incontra Tiziano in carcere, mentre lavorano entrambi nella torrefazione  della prigione, l’uno da detenuto, l’altro da uomo libero.I due  diventano amici e quando Christian, scontata una pena durata in tutto  sette anni, decide di tornare in Africa, Tiziano parte con lui: inizia  il viaggio nell’«altra vita» di Christian, tra la vivacissima famiglia  allargata che conta centinaia di membri, la passione per il calcio  sfogata nei campi di terra battuta sotto il sole cocente, le bellezze e  le miserie di un Paese, il Camerun, che mostra slanci entusiasmanti e  croniche difficoltà.Un viaggio alle radici della storia di Christian,  spirito vitale indomabile, alle prese con un’incerta identità che fa di  lui un africano in Europa e un europeo in Africa, ma anche un viaggio  alle radici di un’amicizia che si fa più salda nella reciproca  diversità.

ACQUISTA SU AMAZON

FILM

image9

Vite (2019)

Film in produzione

image10

Itaca nel Sole (2018)

Torino non premia i suoi figli più delicati, alti e fragili artisti se  non con il dono dell’oblio, il dono di dimenticare la sua grata di  strade diritte come sbarre per chi vive le sue storie d’un giorno, la  sua vita d’impegni, di piccole sfide ai semafori, di rancori e ricordi  sperduti sotto la cappa grigia, confusi nella nebbia… Tardi, fino a  tardi nella notte si continuò a essere tristi, nella città delle  officine, perché quell’uomo alto, fragile e bello non aveva sopportato  il nostro dolore quotidiano ed era andato via senza dirci che Itaca è  nel sole.


Vai al Sito
image11

Renato Ratti. L'innovatore del Barolo (2015)

Documentario realizzato per il Consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani e Cantina Renato Ratti

image12

BAROLO BOYS (2014)

Il film, vincitore del Premio DOC Wine Travel Food 2014 come migliore documentario dell'anno, racconta l'epopea dei Barolo Boys, un gruppo di amici, piccoli produttori delle Langhe, che a cavallo tra anni 80 e 90 del secolo scorso cambiò radicalmente il mondo del Barolo e più in generale del vino italiano.

VAI AL SITO